categoria azienda Canapa King
logo Canapa King
Canapa King
Riveditore di prodotti a base di cannabis light legale
Riveditore di prodotti a base di cannabis light legale

LA CANNABIS

LEGALE




Canapa King è un’attività autorizzata al commercio di infiorescenze di cannabis light e prodotti a base di CBD. Dal 2016, infatti, la legislazione italiana ha reso ufficialmente legale il consumo e la vendita di cannabis light, ovvero con un livello di THC non superiore allo 0,6%.


L’inarrestabile successo di questo prodotto ha portato Canapa King a ideare qualcosa di unico e a munirsi di distributori automatici, realizzati esclusivamente per il commercio di prodotti a base di cannabis legale.



Canapa King ha alle spalle tutta competenza del titolare Toni, grande estimatore e studioso della pianta di canapa e dei suoi molteplici usi, che spaziano dal ludico al curativo, fino all’industriale, agricolo, tessile ed alimentare.








Icona Servizio

Il negozio Canapa King distribuisce:


   Alimentari

   Birre e Bevande

   Cosmesi

   Infiorescenze

   Growth

   Olio CBD

   Accessori



Il THC

delta-9-tetraidrocannabinolo



Il THC (delta-9-tetraidrocannabinolo) è uno dei più noti principi attivi della cannabis, nonché il capostipite del gruppo dei fitocannabinoidi, ovvero quelle sostanze chimiche di origine naturale che reagiscono con i recettori cannabinoidi.




Il THC è una sostanza psicotropa – cioè stupefacente – prodotta dai fiori della cannabis, che può essere ingerita o fumata e possiede proprietà antidolorifiche, antinausea, antiemetiche, stimolanti l’appetito e anticinetosiche.




Esposti al calore, gli acidi della cannabis decarbossilano (reazione che porta alla perdita di una molecola di CO2), generando THC, cannabidiolo (CBD) e cannabicromene.





Dalla degradazione del THC si ottiene il cannabiolo o CBN, non rilevabile nella pianta accuratamente essiccata.




Nonostante si conosca ancora poco su questo tipo di cannabinoide, il suo utilizzo in campo medico è spesso tenuto in considerazione insieme al THC ed al CBD, poiché aiuta a ridurre l’insonnia e ad aumentare la fame.




Le varietà di cannabis che hanno effetti psicoattivi (o stupefacenti) contengono una percentuale di THC variabile dal 7% al 27%.

Il CBD

cannabiodolo



Il CBD è un metabolita della cannabis sativa, cioè il prodotto risultante dal processo di metabolismo.




Le sue principali proprietà sono: rilassante, anticonvulsivante, antinfiammatorio e distensivo contro ansia e panico.




Il CBD, inoltre, è in grado di potenziare l’effetto analgesico del THC, prolungandone l’efficacia e riducendone al contempo gli effetti collaterali sul cuore, sulla respirazione e sulla temperatura corporea.


In particolare, il CBD agisce contro i ricettori cannabinoidi CB1 e CB2 ed altri neurotrasmettitori.


A seconda dell’area e della ragione per il quale viene assunto, il cannabidiolo ha numerosi benefici, dimostrati dagli importanti studi scientifici ancora in corso e dalle tante ricerche del settore.


Figura illustrativa Canapa King



Gli studi in merito


Nonostante le ricerche in materia siano ancora in corso, e servano molti esperimenti con CBD puro prima di potersi esprimere con certezza assoluta riguardo ai suoi benefici, alcuni esperti si dicono ottimisti.


La direttrice della ricerca sulla cannabis dell’Università della California, per esempio, ritiene che il problema non sia che il CBD non funziona come pensiamo, ma che la ricerca scientifica sia solo indietro nella dimostrazione dei suoi effetti benefici.


Al contrario, lei come tanti altri studiosi sono molto fiduciosi nel fatto che il CBD possa risultare estremamente utile in svariati campi e per diversi disturbi: il punto, ora, è verificare come e in che misura.


Il CBD, infine, non ha alcun effetto collaterale dimostrato, ma non deve comunque essere considerato un sostituto della medicina normale.




Icona Servizio

La Cannabis

legale

Una legge promulgata in Italia nel dicembre 2016 ha reso ufficialmente lecita la distribuzione al pubblico maggiorenne di canapa con un contenuto di THC non superiore allo 0,2% (di fatto, con una tolleranza che può raggiungere al massimo lo 0,6%).

Si tratta, in altri termini, di una normativa che ha effettivamente consentito la commercializzazione della “cannabis light” e che solleva da ogni responsabilità il produttore, solo e soltanto se la percentuale di THC non supera lo 0,6%.

Aperto Adesso
Visualizza Orari
lunedì
15:00
21:00
martedì
15:00
21:00
mercoledì
15:00
21:00
giovedì
15:00
21:00
venerdì
15:00
21:00
sabato
15:00
21:00